lunedì 9 maggio 2016

YMAA APULIA SUMMER STAGE 2016 (English version)

Dear friends,
we are pleased to invite you to join our first “YMAA Apulia Summer Stage”!
The Stage will last three full days, from Friday July 22 early morning to the evening of Sunday 24 and will take place in a nice farm in the countryside between the cities of Conversano and Turi, in the province of Bari, Puglia, in the south-east of Italy.
We will have both Taijiquan and Shaolin classes running in parallel, from 9,30 to 12,30 in the morning and from 16,00 to 19,00 in the afternoon, so you can enjoy 18 hours training of your favourite martial style!
Please read the camp info below and register as soon as possible: room places availability is limited!

Camp Program 

You are expected to arrive at the camp location on Thursday 21 afternoon, we will have a first welcome meeting at 19,00 and then our dinner at 20,00.
  • Camp Director: Pino Creanza, YMAA Apulia School Director.
  • Camp Teacher: Enrico Tomei, resident student at the YMAA Retreat Center in California, where he practices Taijiquan and Shaolin Gongfu under the supervision of Master Yang Jwing-Ming, the founder of Yang Martial Arts Association (YMAA) and world renowned author of many books and DVDs about Chinese martial arts and Qigong. 
  • Teacher Assistants: Pino Creanza (Taijiquan); Davide Zupone (Shaolin Gongfu). 
The cost of the training is:
  • YMAA students: 16€ per module (3 hours); only 72€ for the full 18 hours program (instead of 96€).
  • Other students: 20€ per module (3 hours); only 90€ for the full 18 hours program (instead of 120€).
No testing will be possible during the camp.

Location
The camp location is “Masseria dei Monelli”, a farm in the countryside of Puglia region, south-east of Italy, 10 minutes driving from Conversano, a nice and quiet place were you can relax and enjoy your training and free time with good friends and good food.
You can reach Conversano from Puglia region head town Bari by train (Ferrovie Sud-Est). Bari has an international airport well connected to the railway station with a metro line. We can help you organising your transfer to/from the camp and solving any difficulty you could have.
Masseria dei Monelli is not a sport centre but a real farmhouse; nevertheles, it offers suitable spaces for our training, both outside and inside, so we can train in any weather condition.

Lodging
Only two rooms with 4 and 5 beds maximum are available, so early registering is warmly recommended. The rooms have a private bathroom each. The cost of one night is 23€ per person, including breakfast.
In case of depletion of available places, camping will be allowed or you can stay in the neighbouring cities of Conversano and Turi and we will arrange your transportation back and forth to the camp site (or borrow you a bicycle...).

Meals
We can provide both lunch and dinner to the camp participants at a price of 12€ per meal. Please specify in the registration form if you have any allergy or special dietary requirement.

Registration and payment 
Here is as it works:
  1. You send us an e-mail requesting to register for the camp, at pinocreanza@alice.it. 
  2. We send you a confirmation of place availability and the registration form. 
  3. You fill in your registration form and send it back to us. 
  4. We validate your registration form and communicate you the exact amount to be paid. 
  5. You make your payment by bank transfer (you can decide if you want to pay the full amount or half of it). 
  6. When we receive your payment of at least half the due amount, we confirm your registration. 
  7. In case you only paid half of the due amount, you will finalise your payment before the camp starts; the last opportunity is paying by cash when you join the camp on Thursday 21. 
Please note: if you register after June 30, an extra amount of 30€ will be charged to you.

Renounces
If you should for any reason renounce to participate to the camp you shall communicate your decision as soon as possible to the camp organisation. The money already paid by you will be returned subject to a penalty equal to:
  • 30% of the total due amount if you communicate your withdrawal before June 30, 2016; 
  • 50% of the total due amount if you communicate your withdrawal after June 30, 2016.

Enjoying Puglia 
Puglia is one of the most charming regions in Italy, offering you beautiful beaches, a wonderful countryside, a lot of historical sites and excellent food. If you decide to spend some more days here, you can easily reach (by train, bus or car) a lot of interesting destinations from Conversano, thanks to its central location, like for example:
  • Castellana Grotte, with its renowned underground caves (12 Km). 
  • Polignano a Mare, a real gem lying on the rock cliffs over the sea (10 Km). 
  • Alberobello, the head town of the “trulli” valley, with its characteristic, conically shaped old houses (27 Km). 
  • Locorotondo (37 Km) and Cisternino (45 Km), with their beautiful historical centres. 
  • Martina Franca (41 Km), with its elegant baroque buildings. 
Many other outstanding places can be easily reached from Bari, like Matera, well known for its historical center called "Sassi", considered World Heritage Site by UNESCO since 1993, and the magnificent Lecce, with its rich Baroque architectural monuments and the spectacular Salento’s beaches.

Sightseeing
If there will be a sufficient number of interested people, we can organize a oneday tour of the surroundings on Monday July 25. Price and program to be defined later (max 30/50€).


For more information please contact:
Pino Creanza pinocreanza[at]alice.it

sabato 7 maggio 2016

YMAA APULIA SUMMER STAGE 2016


Cari amici, siamo lieti di invitarvi a partecipare al nostro primo "YMAA Puglia Summer Stage"!
Lo stage avrà una durata di tre giorni pieni, dal Venerdì 22 luglio mattina presto alla sera di Domenica 24 e si svolgerà in una bella masseria nella campagna tra le città di Conversano e Turi, in provincia di Bari. Avremo entrambe le classi di Taijiquan e Shaolin in parallelo, dalle 9,30 alle 12,30 al mattino e dalle 16,00 alle 19,00 nel pomeriggio, così che avrete la possibilità di fruire di 18 ore di formazione nel vostro stile marziale preferito!
Vi preghiamo di leggere le informazioni riportate qui di seguito e di registrarvi il prima possibile: la disponibilità di posti letto è limitata!

Programma


L’arrivo al campo è previsto per Giovedì 21 pomeriggio, avremo un primo meeting di benvenuto alle 19,00 e la nostra cena alle 20,00.
  • Direttore del campo: Pino Creanza, responsabile della YMAA Apulia di Conversano
  • Insegnante: Enrico Tomei, residente presso lo YMAA Retreat Center in California, dove studia Taijiquan e Shaolin Gongfu sotto la supervisione del Maestro Yang Jwing-Ming, fondatore della Yang Martial Arts Association (YMAA) e autore riconosciuto a livello mondiale di numerosi libri e DVD sulle arti marziali cinesi tradizionali e sul Qigong.
  • Assistenti: Pino Creanza (Taijiquan); Davide Zupone (Shaolin Gongfu)
Il costo delle lezioni è il seguente:
  • Studenti YMAA: 16€ per modulo (3 ore); solo 72€ per il programma completo di 18 ore (invece di 96€). 
  • Altri studenti: 20€ per modulo (3 ore); solo 90€ per il programma completo di 18 ore (invece di 120€).
Non sono previsti test durante il campo.  

Luogo
Il campo si svolgerà presso la "Masseria dei Monelli", a 10 minuti di macchina da Conversano, un luogo piacevole e tranquillo dove potrete rilassarvi, allenarvi e passsare belle giornate con buoni amici e buon cibo.
Conversano è raggiungibile facilmente da Bari con il treno (Ferrovie Sud-Est). Bari ha un aeroporto internazionale ben collegato con la stazione ferroviaria con una linea della metropolitana. Possiamo aiutarvi a organizzare il vostro trasferimento da/per il campo e risolvere qualsiasi difficoltà potreste avere.
Tenete presente che la Masseria dei Monelli non è un centro sportivo, ma una vera e propria fattoria; ad ogni modo, la struttura offre spazi adatti per i nostri allenamenti, sia all'esterno che all'interno, in modo da poter praticare in qualsiasi condizione meteorologica.

Alloggio 
Solo due camere con massimo 4 e 5 letti sono disponibili, per cui è vivamente consigliata la registrazione anticipata. Le camere dispongono ciascuna di bagno privato. Il costo di una notte è di 23 € a persona, compresa la prima colazione.
In caso di esaurimento dei posti disponibili, sarà consentito il campeggio o si potrà in aternativa alloggiare nelle vicine città di Conversano e Turi, nel qual caso organizzeremo il vostro trasporto da e per il campo (o vi presteremo una bicicletta ...).

Pasti 
Potremo organizzare sia il pranzo che la cena ai partecipanti al campo, al costo di 12 € a pasto. Si prega di specificare nel modulo di registrazione se avete qualche allergia o esigenza dietetica speciale.  

Registrazione e pagamento 
Ecco come funziona:
  1. La prima cosa è inviare una e-mail di richiesta di registrazione al campo, all’indirizzo pinocreanza[at]alice.it. 
  2. Noi ti risponderemo confermandoti la disponibilità del posto letto e ti invieremo il modulo di iscrizione. 
  3. A questo punto potrai compilare il modulo di iscrizione e inviarcelo con i tuoi dati e preferenze. 
  4. Noi ti risponderemo convalidando l’importo da pagare. 
  5. Potrai così effettuare il pagamento tramite bonifico bancario (puoi decidere se pagare l'intero importo o solo un anticipo pari ad almeno la metà). 
  6. Una volta ricevuto il pagamento di almeno la metà dell'importo dovuto, confermeremo la tua registrazione. 
  7. Nel caso in cui tu abbia pagato solo la metà della somma dovuta, dovrai finalizzare il pagamento prima dell'inzio del campo; il termine ultimo è giovedì 21 (pagamento in contanti   al tuo arrivo al campo). 
Si prega di notare: per chi si registra dopo il 30 giugno è prevista una maggiorazione di 30 € sul costo del campo.

Rinunce
Chi dovesse per motivi di forza maggiore rinunciare alla partecipazione al campo è tenuto a comunicarlo tempestivamente all'organizzazione. Gli importi versati saranno restituiti con una decurtazione pari:
  • al 30% dell'importo totale dovuto, per rinunce comunicate entro il 30 giugno 2016;
  • al 50% dell'importo totale dovuto, per rinunce comunicate dopo il 30 giugno 2016.

Scoprire la Puglia 
La Puglia è una delle regioni più affascinanti d'Italia, con splendide spiagge, una bella campagna, una abbondanza di siti storici e cibo eccellente. Se decidete di trascorrere qualche giorno in più nella nostra regione, potrete facilmente raggiungere (in treno, autobus o auto) un sacco di destinazioni interessanti direttamente da Conversano, come ad esempio:
  • Castellana Grotte, con le sue rinomate grotte sotterranee (12 Km). 
  • Polignano a Mare, un vero gioiello abbarbicato sulle scogliere a picco sul mare (10 Km). 
  • Alberobello, la capitale dei "trulli", le caratteristiche costruzioni a forma conica (27 Km). 
  • Locorotondo (37 Km) e Cisternino (45 Km), con i loro bei centri storici. 
  • Martina Franca (41 km), con i suoi eleganti edifici barocchi. 
Molti altri luoghi importanti sono facilmente raggiungibili da Bari, come Matera, considerata per i suoi “Sassi” Patrimonio dell'Umanità dall'UNESCO fin dal 1993, e la magnifica Lecce, con i suoi monumenti barocchi e le spiagge spettacolari del Salento.

Escursione turistica 
Se vi sarà un numero sufficiente di adesioni, potremo organizzare un giro turistica di una giornata lunedì 25 luglio. Itinerario e quota da stabilre (30/50€ al massimo).

Per ulterori informazioni contattare Pino Creanza:
pinocreanza[at]alice.it
339 7245 346

sabato 5 settembre 2015

Iniziano i corsi 2015-2016!



Riprendono la seconda settimana di settembre i corsi 2015-2016 di Taijiquan (Tai Chi Chuan) condotti da Pino Creanza, responsabile della YMAA Apulia, sede pugliese della prestigiosa scuola di arti marziali cinesi tradizionali Yang Martial Arts Association (YMAA), fondata dal Maestro Yang Jwing-Ming a Boston nel 1982 e presente oggi con le sue sedi distaccate in tutto il mondo.

I corsi si tengono a:
  • Conversano, presso il Centro Yoga Samasthiti, in Via Soldato di Leo 35-37, il martedì e venerdì, dalle 19,00 alle 20,30. 
  • Bari, presso l’Associazione Ekata, in via Camillo Rosalba 38C (Poggiofranco), ogni mercoledì, dalle 19,30 alle 21,00. 
Lezione di prova gratuita. Info: 339 7245346

mercoledì 18 marzo 2015

Giornata Mondiale del Tai Chi e del Qigong - 25 aprile 2015


Anche quest'anno organizziamo, l'ultimo sabato di aprile, una giornata di pratica di Taijiquan e Qigong all'aria aperta, questa volta nella bella campagna conversanese, ospiti della Masseria dei Monelli.
Diversi istruttori si alterneranno sia al mattino che al pomeriggio per offrire un programma di esercizi accessibile a tutti, che esplorerà aspetti di base comuni ai diversi stili di Taijiquan e Qigong, quali il rilassamento, il radicamento, la struttura del corpo, l’approccio al tui shou e alle applicazioni marziali. Inizieremo le nostre attività alle 9,30 e concluderemo la giornata al tramonto. 
La giornata è aperta a tutti, anche a chi non ha mai praticato Tai Chi o Qigong ed è solo curioso o desideroso di provare, o vuole semplicemente stare a guardare, rilassarsi e passeggiare nei dintorni della Masseria. 
Si richiede ai partecipanti di portare qualcosa di leggero e di vegetariano per il pranzo comune da condividere. È previsto un contributo di 10€ per ciascun partecipante per le spese logistiche.
Vi aspettiamo! 

martedì 30 settembre 2014

Corsi di Taijiquan 2014-2015


 










La YMAA Apulia organizza corsi di Taijiquan YMAA per principianti e per allievi avanzati presso la sua sede in Via Soldato Di Leo a Conversano (Bari).

Il corso si svolge il Martedì e Giovedì dalle 18,30 alle 20,00 e può essere frequentato anche da chi non ha alcuna conoscenza pregressa di Taijiquan o di Qigong.

A seguire, gli allievi avanzati possono fruire di una ulteriore ora di lezione, sempre  il Martedì e Giovedì, dalle 20,00 alle 21,00, riservata a coloro che hanno già una conoscenza di base del Taijiquan YMAA.

Il costo mensile del corso è di 50 €. Agli studenti sarà praticato uno sconto di 5 € sul costo dei corsi. Nell'importo è inclusa la quota associativa alla YMAA International, che dà diritto a sconti sulle iniziative organizzate a livello locale, nazionale e internazionale dalla YMAA (come stage, seminari e campi estivi).

Gli allievi che intendono frequentare i corsi della YMAA Apulia dovranno obbligatoriamente iscriversi all’Associazione Centro Yoga Samasthiti, compilando l’apposito modulo di richiesta, presentando un certificato medico e versando la quota annuale di 30 €. L’iscrizione comporta l’associazione al CSEN, Centro Sportivo Educativo Nazionale e garantisce l’assicurazione sportiva di base. L’anno sociale va da settembre ad agosto dell’anno successivo. La quota sociale annuale non è frazionabile, cedibile o rimborsabile.

venerdì 4 aprile 2014

Giornata Mondiale del Tai Chi e del Qigong - 26 Aprile 2014



ASD WUJI - Taijiquan e Qigong 
SOMA School of Martial Arts 
YMAA Apulia - Yang Martial Arts Association

vi invitano a celebrare insieme la Giornata Mondiale del Tai Chi e del Qigong, sabato 26 aprile, presso la Casina Settarte tra Cisternino e Ostuni.

Trascorreremo insieme l’intera giornata, a partire dalle ore 10 del mattino fino al tramonto, godendo della bellezza della Casina, affacciata sul panorama mozzafiato della Valle d’Itria, tra trulli, alberi d’olivo, fichi d’India, l’aspra macchia mediterranea e i muretti in pietra scolpiti ad arte, all’orizzonte il mare blu.

Diversi istruttori si alterneranno sia al mattino che al pomeriggio per offrire un programma di esercizi accessibile a tutti, che esplorerà aspetti di base comuni ai diversi stili di Taijiquan e Qigong, quali il rilassamento, lo scioglimento articolare e muscolare, il radicamento, la centratura, la struttura difensiva, l’approccio al tui shou e alle applicazioni marziali.

L’allenamento durerà circa sei ore, tre al mattino e tre nel pomeriggio e si concluderà con la pratica libera delle sequenze di Taijiquan, del tui shou o del Qigong, nelle ore magiche del tramonto. La giornata è aperta a tutti, anche a chi non ha mai praticato Tai Chi o Qigong ed è solo curioso o desideroso di provare, o vuole semplicemente stare a guardare, rilassarsi e passeggiare nei dintorni della Casina.

Si richiede ai partecipanti di portare qualcosa di leggero e di vegetariano per il pranzo comune da condividere e, per chi intenda fermarsi, anche per la cena. È previsto un contributo di 10€ per ciascun partecipante per le spese logistiche. È anche possibile fermarsi a dormire la notte del sabato (nel qual caso chiamare Franco per prenotare e portare lenzuolo, federa e coperta).

Vi aspettiamo! 

Si prega di confermare la partecipazione entro martedì 22 aprile, a uno dei seguenti riferimenti: Franco, 348.86.29.254, info[at]casinasettarte.org; Pino, 339.72.45.346, pinocreanza[at]alice.it; Rosanna, 349.00.86.017, rosannalerario[at]hotmail.com

La Casina Settarte è in Contrada La Chiusa, Strada Provinciale 17 Cisternino – Ostuni, a 6 km da Ostuni e 6 km da Cisternino, GPS 40°44'08.5"N 17°30'15.3"E




domenica 9 marzo 2014

Prepariamoci alla primavera



La primavera è ormai alle porte, le gemme degli alberi sono gonfie e sui rami si affacciano i primi fiori. È dunque tempo di preparasi a questa stagione di rinnovamento, prendendoci cura dell'organo che le corrisponde: il fegato. Nella medicina tradizionale cinese, la primavera è associata all'elemento legno, gli organi corrispondenti sono quelli del fegato e della cistifellea, il tessuto corporeo quello dei tendini, il senso quello della vista, l’emozione quella della rabbia e dell’impazienza, il colore il verde, il sapore l’aspro, la direzione l’est, l’alimento il grano e l’avena.

Alla fine dell'inverno, una stagione in cui siamo portati a mangiare di più e a prediligere cibi più ricchi e nutrienti, ma spesso anche più "pesanti" e ricchi di tossine, il fegato comincia manifestare segni di disagio e di eccessivo "calore", e allora è bene procedere a una generale disintossicazione. L'alimentazione è certo fondamentale per questo, ma anche la pratica di semplici esercizi di Qigong, mirati a rimuovere i ristagni e a rivitalizzare il fegato, può essere di grande aiuto.

D'altra parte, il fegato è forse l’organo più congestionato nelle persone moderne, a causa dei troppi grassi, intossicanti, sostanze chimiche e cibi denaturati. Uno dei primi sintomi della disarmonia del fegato è una condizione di difficoltà emozionale legata alla rabbia: impazienza, frustrazione, risentimento, violenza, belligeranza, rudezza, nervosismo, ostinazione, aggressività e una personalità impulsiva o esplosiva. Se queste emozioni sono represse senza possibilità di trasformazione, allora subentra la depressione. I cambiamenti repentini di umore e gli eccessi emotivi sono in genere legati al fegato.

Fegato stagnante. Da un punto di vista fisico possono esserci numerosi segni di un fegato sbilanciato. La condizione più frequente è quella di un fegato stagnante, reso gonfio e fiacco da un eccesso di cibi ricchi e grassi, e dunque incapace di far circolare l’energia Qi in maniera agevole in tutto il corpo. Poiché il Qi guida la circolazione dei fluidi e del nutrimento, questa condizione di stagnazione provoca gonfiori in varie parti del corpo, soprattutto lungo i meridiani del fegato e della cistifellea. Anche i tendini e i muscoli risentono di questa condizione, con rigidità del corpo e mancanza di flessibilità. Idem per gli occhi, che tendono a infiammarsi e gonfiarsi. Quando il fegato è molto stagnante si creano anche sedimenti (calcoli) che si accumulano nella vescicola biliare (cistifellea).

Deficienza di sangue e di Yin del fegato. Il fegato è deputato all’immagazzinamento del sangue e alla sua purificazione; se l’organo è stagnante le tossine del sangue finiranno per essere rilasciate dalla pelle, con tutte le conseguenze del caso: acne, eczemi, foruncoli, allergie. Un sangue intossicato alimenterà inoltre le condizioni degenerative, come i tumori e l’artrite. Altre manifestazioni della deficienza di sangue del fegato sono i disturbi mestruali, l’anemia, una condizione di secchezza del corpo con spasmi muscolari, dei tendini e dei legamenti, problemi alla vista.

Calore del fegato. Una condizione prolungata di stagnazione del fegato provoca il suo ingrossamento e un continuo sforzo di recuperare l’equilibrio perduto, che a sua volta induce una condizione di calore. I reni – organo “madre” del fegato – sono così indotti a produrre fluidi Yin extra, nel tentativo di raffreddare e decongestionare il fegato. Questo stato prolungato porta dunque a un indebolimento della funzione Yin dei reni e a uno stato di deficienza dello Yin del fegato.

Nel ciclo dei cinque elementi, il Legno controlla la Terra, così le condizione del fegato influenzano quelle di milza e stomaco e dunque degli intestini. Ulcere, infiammazioni addominali, diabete, flatulenza, indigestione, coliti ed enteriti possono derivare da un fegato sovraccarico. Nel ciclo di generazione il Legno crea il Fuoco, dunque un fegato stagnante produrrà anche problemi vascolari e cardiaci. Da un punto di vista emotivo, coltivare la gioia e la compassione del cuore aiuterà a rimuovere il risentimento e la rabbia che albergano nel fegato.

L’alimentazione primaverile 

La primavera è stagione di crescita, dal carattere ascendente ed attivo. Siamo portati a mangiare meno per ripulirci dei grassi e dei cibi pesanti accumulati durante l’inverno. La dieta dovrebbe essere la più leggera dell’anno e contenere cibi che enfatizzano le qualità Yang, espansive ed ascendenti della primavera: piante giovani, vegetali freschi e germogli, ma anche cibi aromatizzati con sapori dolci e pungenti, come ad esempio the con menta e miele.

Spezie che vanno bene in questo periodo sono il basilico, il finocchio, la maggiorana, il rosmarino, il cumino dei prati (carvi), l’aneto e l’alloro.

Cibi che hanno natura dolce sono i vari grani, legumi e semi, i vegetali amidacei come le carote e le barbabietole. Cipolla e aglio crudi possono essere usati come vermifughi per liberarsi dei parassiti. Invece i cibi salati come la salsa di soia e il miso vanno limitati, così come i cibi pesanti che ingolfano il fegato.

Il consumo di cibi crudi dovrebbe aumentare quando si hanno segni di calore, in climi più caldi, e durante periodi di attività più intensa. Una piccola quantità di cibi crudi ogni giorno va bene, ma bisogna evitare gli eccessi che possono indebolire la digestione e creare problemi a individui con segni di deficienza e debolezza.

Il metodo migliore di cuocere i cibi in primavera è quello di usare temperature più alte e tempi minori, come ad esempio saltarli in olio o cuocerli leggermente al vapore.

Come principio generale, è bene limitare cibi ricchi di grassi saturi (lardo, carni, creme, formaggi e uova), grassi idrogenati e di bassa qualità (margarina, oli raffinati o rancidi), noci e semi e tutti gli intossicanti e i cibi molto lavorati e raffinati. Ottima cosa eliminare del tutto questi alimenti per un periodo di una settimana o due di "depurazione".

Una buona abitudine in questo periodo è quella di bere al mattino appena svegli il succo di mezzo limone in un bicchiere di acqua calda, volendo con l'aggiunta di un cucchiaino scarso di miele.

mercoledì 1 gennaio 2014

Pino Creanza

Pino Creanza ha iniziato a praticare arti marziali cinesi tradizionali nel 1994 e dal 2005 è membro della YMAA International, fondata dal Maestro Yang Jwing-Ming. Attualmente è School Director della YMAA Apulia con sede a Conversano (Bari), dove pratica e insegna Taijiquan stile Yang tradizionale.

mercoledì 16 ottobre 2013

La coltivazione del vero benessere


Equilibri 

La nostra società, come tutte le società dell’occidente sviluppato, è considerata una società del “benessere” e in effetti, al netto delle situazioni di disagio e povertà, che in questi tempi di crisi si vanno purtroppo diffondendo un po’ ovunque, viviamo la condizione privilegiata di poter accedere, anche se in misura diversa, a tutta una serie di servizi e beni che rendono la nostra vita “confortevole”. A scavare un po’ di più in queste considerazioni piuttosto generiche, si scopre che dietro questa idea di benessere c’è sostanzialmente l’apprezzamento della capacità di spendere e consumare. Il benestante è colui che può permettersi di comprare più cose.

Nella realtà, a questa condizione di agio materiale raramente corrisponde una situazione di benessere profondo della persona, inteso come una condizione di “salute” complessiva, della mente, del corpo e dello spirito. Tralasciando per un momento quest’ultima dimensione, vi propongo alcune riflessioni personali sul legame tra benessere psico-fisico e pratica delle arti marziali e del Qigong.

Già nell’utilizzo dell’aggettivo “psico-fisico” mettiamo insieme due termini che nella realtà della nostra vita quotidiana sono spesso distinti. Siamo infatti portati a pensare che il benessere sia la sommatoria di una situazione positiva a livello mentale e di una buona forma fisica, per lo più intesa come la semplice mancanza di disturbi e malattie. Due elementi diversi e relativamente indipendenti, come se il benessere fosse un piatto composto da una pietanza e da un contorno, preparati separatamente e gustati insieme.

Con un po’ di sforzo arriviamo ad ammettere che una condizione influenza l’altra: siamo ormai abituati al concetto di malattia psico-somatica e per la maggior parte di noi un fastidio di tipo fisico si traduce automaticamente in un peggioramento dell’umore e delle prestazioni intellettuali.

Detto questo, che esperienza diretta abbiamo noi del benessere profondo? È una condizione che sperimentiamo spesso oppure si tratta solo di brevi pause tra un disagio e l’altro? È un’esperienza che ci coinvolge in modo totale, con noi stessi, gli altri e il mondo circostante, o è qualcosa che scorre in superficie, pronto a dileguarsi al minimo impedimento? Ancora, è qualcosa che dipende da condizioni esterne o la sua radice è dentro di noi? È una condizione emotiva, come gioia, eccitazione, soddisfazione, contentezza, o è qualcosa di più?

Interrogarci a fondo su questi punti potrà aiutarci a chiarire molte cose, anche su noi stessi. L’idea che mi sono fatto io del benessere psico-fisico è che esso è più una condizione di fondo, una disposizione, che una collezione di momenti positivi. Per me il vero benessere non è avere una forma fisica perfetta ed essere perennemente contenti, ma sentire che siamo in grado di superare le difficoltà che ci si presentano, di affrontare i disagi, anche i cambiamenti di umore o i piccoli fastidi fisici, perché abbiamo dentro di noi le energie per poterlo fare, e lo facciamo.

Non si tratta dunque di una condizione statica, che fotografa una improbabile condizione di perfezione, ma di un processo di continuo adattamento, che ci consente di rispondere in maniera appropriata ed efficiente alle perturbazioni che si producono all’esterno e all’interno di noi, recuperando ogni volta la nostra “centratura”, fisica, mentale e spirituale. Che si tratti di una malattia, di un’emozione negativa, di una difficoltà relazionale, di una condizione di stress mentale o di qualsiasi altra cosa che turbi il nostro equilibrio, la persona che gode di un livello elevato di benessere psico-fisico è quella in grado di recuperare in breve tempo, efficacemente, l’equilibrio perduto.

Benvenuta malattia

Questa visione, se realmente coltivata e vissuta, cambia radicalmente la percezione di sé e del proprio rapporto con il mondo esterno. Prendiamo ad esempio la malattia: questa non è più il nemico da combattere, il sintomo da sedare, il corpo estraneo da eliminare ma diventa piuttosto la manifestazione di un organismo che sta cercando di recuperare l’equilibrio perduto. Se abbiamo lavorato bene su noi stessi, se abbiamo abbastanza energia, questo processo di recupero avverrà in maniera naturale, noi dovremo solo assecondarlo e accompagnarlo.

Diceva Itsuo Tsuda che un corpo che apparentemente non si ammala mai è un corpo sordo, rigido, morto, in cui la degenerazione avviene ad un livello molto profondo, che coinvolge gli organi interni, e che è destinato prima o poi a crollare sotto il peso di una malattia grave e improvvisa. Un corpo davvero in salute è invece un corpo sensibile, reattivo, che continuamente si “ammala” e velocemente guarisce, in cui il raffreddore dura il tempo di un paio di starnuti e l’influenza si risolve nel giro di una notte.

Ma come si fa a sensibilizzare il corpo a questo livello? Come è possibile sviluppare la nostra capacità di tornare continuamente al centro, sia dal punto di vista fisico che mentale ed emotivo? Bisogna dire che non vi sono scorciatoie per questo, niente formule magiche, nessun “chakra” da aprire, nessun interruttore da spingere, nessuna pillolina da inghiottire, nessuna pratica segreta da apprendere. Si tratta piuttosto di intraprendere un percorso di conoscenza e trasformazione di sé, anche lungo e tortuoso, con i suoi momenti di arresto e caduta, le sue difficoltà, gioie e dolori, sviluppando piano piano il piacere del cambiamento e la gratificazione profonda della scoperta.

Alla base, occorre una assunzione di responsabilità verso sé stessi e gli altri. Occorre smettere di incolpare le altre persone o le circostanze per i nostri malanni e disgrazie, come pure smettere di delegare ad altri o ad altro la soluzione dei propri problemi e la guarigione. Abbandonare insomma i panni della vittima, dell’ammalato, dello sconfitto, abbandonare i sentimenti di recriminazione, il lamento contro il destino avverso, l’alibi della debolezza e dell’impossibilità.

Avevo una scatolina di metallo piena di pillole, che portavo con me anche in ufficio e in viaggio. L’analgesico per le emicranie, l’antinfiammatorio per le faringiti, l’antidiarroico, l’antistaminico… Ad un certo punto ho deciso di rinunciare a tutti questi “anti-qualcosa”, e ho cominciato ad accettare i miei fastidi, ad attraversarli, a cercare di capire di cosa si trattasse, cosa avessero da dirmi. E ho imparato molto. I mal di testa, i mal di gola, le riniti non mi hanno abbandonato del tutto, ma sono diventati più “trasparenti”, meno sostanziali, arrivano come nuvolette nel cielo e velocemente si disperdono. Constato che il mio corpo reagisce agli acciacchi, alle piccole malattie, con maggiore elasticità ed efficacia.

Ma, come dicevo, è un percorso graduale, che richiede il suo tempo. Assumere su di sé la responsabilità del proprio destino e sviluppare fiducia e consapevolezza, sono questi gli “ingredienti” psicologici che rendono possibile ed alimentano un processo di cambiamento profondo, sia del corpo che della mente.

Centering

Non vi sono sistemi preconfezionati da applicare, formule, metodi del tipo “soddisfatti o rimborsati”; ma vi sono certo cose concrete che si possono fare, nuove abitudini da coltivare, spazi da esplorare. Alla fine, non è tanto importante la strada che si intraprende, quanto il modo in cui la si percorre. Per me il Qigong e le arti marziali, il Taijiquan in particolare, sono stati di grande aiuto, offrendomi infinite occasioni di conoscenza di me stesso, mostrandomi quanto di mentale c’è nei mie limiti fisici e quanto di fisico c’è nei mie schemi mentali, permettendomi di esplorare nuovi schemi di attivazione dell’ energia interna, insegnandomi la pazienza, la vanità del mio ego, l’inutilità delle mie ambizioni.

Una cosa è certa: senza pratica non c’è trasformazione, e in questo le arti marziali tradizionali hanno molto da insegnare. Nel Taijiquan abbiamo un esercizio che chiamiamo “centering”, in cui due praticanti sono uno di fronte all’altro e cercano reciprocamente di sbilanciarsi utilizzando il contatto delle mani e delle braccia. L’abilità che si apprende è quella di neutralizzare le spinte che si ricevono senza opporre forza a forza ma cedendo secondo traiettorie circolari, avendo al tempo stesso cura di conservare il proprio radicamento a terra e dunque l’equilibrio e la stabilità. Non è una competizione, anzi il compito di chi spinge è quello di aiutare il compagno a capire come gestire la situazione di squilibrio e tornare al suo centro.

È una bella metafora di tutto quello che ho cercato di dire in questa riflessione, e nelle arti marziali le metafore diventano corpo, respiro, energia, movimento.

martedì 3 settembre 2013

Enrico va in America...


Enrico Tomei, "anima Shaolin" della YMAA Apulia e insostituibile compagno di pratica nel Taijiquan in questi intensi anni di rifondazione del nostro comune cammino nelle arti marziali cinesi tradizionali, è volato negli States.
Selezionato insieme ad altri cinque allievi per il programma residente di cinque anni allo YMAA Retreat Center nel nord della California, Enrico avrà così la possibilità di sviluppare al massimo grado le sue potenzialità umane e di artista marziale. Il Centro è stato infatti creato dal Maestro Yang Jwing Ming per formare atleti e insegnanti di alto livello in grado di continuare a sviluppare l'arte e trasmetterla alle generazioni future.
Un caloroso augurio ad Enrico, dunque, sicuri che dal suo duro lavoro beneficerà la qualità della pratica di tutti noi.
P.S. Chi volesse seguire da vicino il percorso di Enrico al Retreat Center può visitare il suo blog.

martedì 20 agosto 2013

Il Qigong della sfera Taiji

Il Qigong della sfera Taiji è una pratica che coniuga sia aspetti “interni”, legati alla coltivazione della salute, della concentrazione mentale e della consapevolezza, che “esterni”, orientati al rafforzamento della muscolatura del tronco, allo sviluppo della forza fisica e alla canalizzazione dell’energia interna Qi a scopi marziali.
Di fatti, questa pratica era un tempo parte integrante delle arti marziali cinesi e del Taijiquan (Tai Chi Chuan) in particolare, ma essendo stata tenuta per lo più segreta si è con il tempo andata perdendo.
La pratica prevede sia esercizi a mani nude che esercizi con l’utilizzo di una sfera. Tradizionalmente si usano sfere di legno di peso crescente, ma i principianti possono utilizzare un comune pallone di gomma da basket.
I benefici fisici più diretti del Qigong della sfera Taiji sono il rafforzamento delle anche, delle ginocchia, delle caviglie e della colonna vertebrale, mentre a livello energetico migliora la circolazione del Qi, rimuovendone i ristagni, e rafforza il sistema immunitario.
La pratica della sfera Taiji è parte integrante sia del programma sviluppato nel corso di Taijiquan che di quello del corso di Qigong.

martedì 22 marzo 2011

La "prima striscia" di Shaolin



Riportiamo di seguito il programma di studio per il primo periodo di qualificazione nello Shaolin. Tutti gli argomenti marcati con un asterisco * sono oggetto di un esame che lo studente deve superare prima di poter passare al livello successivo.

1. Le posizioni fondamentali

A. Pugno Lungo (Changquan)
  1. Ma Bu (Posizione del cavaliere)
  2. Deng Shan Bu o Gong Jian Bu (Posizione scalare la montagna o arco e freccia)
  3. Si Liu Bu (Posizione quattro-sei)
  4. Zuo Pan Bu (Posizione seduta sulle gambe incrociate)
  5. Fu Hu Bu o Pu Bu (Posizione domare la tigre o Posizione mezza accovacciata)
  6. Jin Ji Du Li (Il gallo d’oro sta su una zampa)
  7. Xuan Ji Bu o Xiu Bu (Posizione ingannevole; Posizione falsa o vuota)
  8. Tun Bu (Posizione dell’assorbimento)
  9. Qi Lin Bu (Posizione dell’ unicorno)
  10. Zuo Dun (Posizione seduta-accovacciata o Posizione di riposo)
B. Gru Bianca (Bai He Quan)
  1. He Ma Bu (Posizione del cavaliere della gru bianca)
  2. Qi Xing Bu (Posizione delle sette stelle)
  3. He Xiu Bu (Posizione falsa della gru)
  4. He Pu Bu (Posizione accovacciata della gru)
  5. Bai He Du Li Shi (La gru bianca sta su una zampa)
  6. He Gui Shi (Posizione della gru a ginocchia basse)
2. Tecniche di calcio fondamentali
  1. Ti Tui (Calcio di punta)
  2. Deng Tui (Calcio di tallone)
  3. Liu Tui (Calcio crescente)
  4. Wai Bai Tui (Spazzata esterna)
  5. Nei Bai Tui (Spazzata interna)
3. Forme di mano fondamentali
  1. Quan Ji (Colpo di pugno)
  2. Zhang Ji (Attacco di palmo)
  3. Shou Dao (Mano a coltello)
  4. Zhou Ding (Attacco di gomito)
  5. Hu Zhao (Artiglio della tigre)
  6. Ying Zhao (Artiglio dell’aquila)
  7. He Zhao (Artiglio della gru)
  8. He Bo (Respinta della gru)
  9. He Gai (Copertura della gru)
  10. Zhou Hua (Neutralizzazione di gomito)
4. Forme di allenamento fondamentali – Gambe a molla (Tan Tui)
Numeri uno, due e tre.

5. *Qin Na (o Chin Na)
  1. Xiao Chan Shou (Piccolo avvolgimento della mano)
  2. Bei Ping Kao Ya (Anatra arrosto alla pechinese)
  3. Ba Wang Qing Ke (Il signore feudale invita a cena)
  4. Shang Diao Shou (Agganciamento superiore della mano)
  5. Shun Shui Tui Zhou (Spingi la barca seguendo la corrente)
6. *Forme di combattimento (Pan Shou)
  1. Dan Xia Gai Shou (Singola copertura bassa di mano)
  2. Shuang Xia Gai Shou (Doppia copertura bassa di mano)
  3. Zuo You Jie Shou (Intercettazione sinistra e destra di mano)
  4. Zuo, You, Xia Jie Shou (Intercettazione sinistra, destra e bassa di mano)
  5. Shang Hua Shou (Neutralizzazione superiore di mano)
7. *Lian Bu Quan (Sequenza a mani nude del Pugno Lungo)
Lian Bu Quan significa “Sequenza della camminata continua”. È la più basilare delle sequenze di allenamento a solo nel Pugno Lungo, ed era praticata nella Jingwu Association in Cina. Questa sequenza introduce il lavoro di piedi fondamentale e le tecniche che il Pugno Lungo usa nell’approcciare e nel ritirarsi da un avversario. Le applicazioni marziali della Lian Bu Quan introducono lo studente ad un chiaro e basilare concetto di combattimento a lunga distanza.

8. *Shang Xia Zhi (Sequenza di combattimento in coppia a mani nude della gru bianca)
Shang Xia Zhi significa “Arti in su-giu”. Questa è una sequenza di combattimento a due persone che insegna allo studente il modo in cui le mani vengono usate nello stile della Gru Bianca. Questa sequenza include solo otto colpi e bloccaggi di base, ma da questi otto movimenti di base sono derivate le sessantaquattro tecniche di base della Gru Bianca.

lunedì 14 marzo 2011

La "prima striscia" di Taijiquan



Riportiamo di seguito il programma di studio per il primo periodo di qualificazione nel Taijiquan.
Tutti gli argomenti marcati con un asterisco * sono oggetto di un esame che lo studente deve superare prima di poter passare al livello successivo.

Le posizioni fondamentali del Taiji - le otto forme
Il Taijiquan, come altre arti marziali, ha le sue posizioni fondamentali che creano le basi per la stabilità, il movimento e le tecniche marziali. Queste le otto posizioni di base:
  • Posizione del cavaliere (Ma Bu)
  • Posizione arrampicarsi sulla montagna o arco e freccia (Deng Shan Bu, Gong Jian Bu)
  • Posizione sedersi sulle gambe incrociate (Zuo Pan Bu)
  • Posizione quattro-sei (Si Liu Bu)
  • Posizione domare la tigre (Fu Hu Bu)
  • Posizione falsa (Xuan Ji Bu o Xu Bu)
  • Posizione il gallo d’oro in piedi su una zampa (Jin Gi Du Li)
Nel Taijiquan vi sono otto schemi tecnici di movimento, comunemente chiamati “otto trigrammi” (Bagua) o “otto porte” (Ba Men):
  1. Peng (respingere)
  2. Lu (ritirarsi ruotando)
  3. Ji (spremere o pressare)
  4. An (schiacciare, spingere)
  5. Cai (prendere, afferrare)
  6. Lie (dividere, separare)
  7. Zhou (gomito)
  8. Kao (urtare)
Questi otto schemi di movimento, insieme alle cinque strategie di base di movimento dei piedi (i cinque passi, Wu Bu: passo in avanti, passo indietro, passo a sinistra, passo a destra, equilibrio centrale) costituiscono la base su cui è edificato l’intero Taijiquan. Nel primo periodo di qualificazione si pone particolare enfasi sullo studio di Peng, Lu, Ji e An.

Tecniche di respirazione per il Taiji
Nel Taijiquan bisogna imparare a coordinare il movimento dell’addome con la respirazione, apprendendo sia la respirazione addominale normale (diretta) Buddhista che quella addominale inversa Taoista. La respirazione addominale normale aiuta il principiante a rilassarsi e a conquistare una migliore condizione di salute tramite la pratica del Taiji, mentre la respirazione addominale inversa aiuta a dirigere il Qi alle estremità per scopi marziali.

Taiji Qigong di base
Nel Taijiquan occorre capire e sentire il Qi. Questo aiuta a diventare consapevoli dell’interno del corpo e del proprio stato energetico e ad iniziare ad usare il Qi durante la pratica del Taiji. Si inizia con l’apprendimento del Qigong spinale e di una sequenza di Taiji Qigong. Molte di queste sequenze di base sono anche usate per allenare a coordinare lo Yi (mente), il respiro, il corpo e il Qi. Attraverso questo allenamento lo studente costruirà una solida base per il Taiji.

*Forma di Taijiquan stile Yang (113 movimenti)
Apprendimento dell’intera sequenza a solo di Taijiquan e suo perfezionamento sotto la guida degli istruttori, fino a renderla fluida e corretta. La sequenza è divisa in tre parti e all’esame di qualificazione si dimostra la prima parte.

*Centering
Questo allenamento è la base per il Taiji Tui Shou (“mani che spingono”) e mira a sviluppare le abilità di Ascoltare, Comprendere, Incollarsi, Aderire, Cedere, Neutralizzare e Condurre. Ci si allena con un partner fino a quando non si è in grado di eseguire queste tecniche in maniera fluida mantenendo il proprio centro ed equilibrio.

*Tui Shou a una mano (Single Pushing Hands)
Si impara a sviluppare la propria sensibilità e a cedere, condurre e neutralizzare in direzione orizzontale, verso l’alto, lateralmente e verso il basso.

*Tui Shou a due mani (Double Pushing Hands)
Una volta che si è in grado di eseguire correttamente il Tui Shou a una mano si inizia la pratica a due mani. Oltre a continuare ad allenare il cedere, condurre e neutralizzare, bisogna imparare ad usare l’altra mano per bloccare il gomito dell’avversario. Oltre alle neutralizzazioni in orizzontale, verso l’alto, lateralmente e verso il basso bisogna imparare due tecniche addizionali: respingere e bloccare.

*Peng, Lu, Ji, An stazionario
Questa è una routine di “Tui Shou a due mani” internazionale molto praticata e diffusa per il mondo. In questo periodo lo studente impara la routine da fermi.

sabato 19 febbraio 2011

Un nuovo inizio



A partire da martedì 1 marzo i corsi della YMAA Apulia si svolgeranno nella nuova sede di via Soldato Di Leo a Conversano, presso il Centro Yoga Samasthiti. Si tratta per tutti noi di un "nuovo inizio", che rinnova il nostro desiderio di impegnarci a fondo - con passione, serietà e voglia di divertimento - nell'affascinante e impegnativa strada delle arti marziali cinesi tradizionali.
Guardiamo al passato che ci ha condotti fin qui con sincera gratitudine e al futuro che ci aspetta con entusiasmo e serenità: tanti auguri alla YMAA Apulia!

Pino e Enrico

Regole di comportamento



Le arti marziali tradizionali non sono discipline sportive, ma discipline “totali” che presuppongono un coinvolgimento di tutte le facoltà dell’individuo, sia a livello fisico che mentale, e che richiedono ai praticanti livelli di impegno, comprensione, costanza e concentrazione molto elevati.

Non è un caso che il termine cinese gongfu (kung fu) significhi letteralmente “tempo ed energia” e che sia impiegato in relazione a qualsiasi “arte” la cui maestria richieda un impegno intenso e prolungato. Per progredire nelle arti marziali tradizionali è pertanto necessario che il praticante coltivi i giusti atteggiamenti mentali, tradizionalmente definiti come: umiltà, rettitudine morale, rispetto, fiducia, lealtà, volontà, sopportazione, perseveranza, pazienza e coraggio.

Perché questo sia possibile, il clima in cui ci si allena deve essere improntato al rispetto reciproco e deve favorire la crescita comune, non solo a livello tecnico, ma anche e soprattutto a livello umano, mentale, morale e spirituale. È per queste ragioni che non consideriamo il luogo in cui ci alleniamo come una “palestra” dove dei “clienti” acquistano e fruiscono di un “servizio”, ma come un luogo “sacro” in cui testimoniamo insieme le nostre comuni aspirazioni.

Le poche, semplici regole che seguono vanno intese alla luce delle considerazioni precedenti; invitiamo tutti gli allievi a rispettarle sempre e comunque.
  • Gli allievi sono tenuti alla massima puntualità nel rispetto degli orari di inizio e fine lezione. In particolare, gli allievi devono arrivare 15 minuti prima dell’orario di inizio della lezione, in modo da avere il tempo necessario per potersi cambiare, e liberare gli spogliatoi entro 15 minuti dalla fine della lezione, in modo da liberare la sala di pratica prima dell’inizio della lezione successiva.
  • Gli allievi possono entrare nella sala di pratica solo se la porta è aperta. A porte chiuse non è più possibile entrare e partecipare alla lezione in corso. La porta viene chiusa dall’istruttore quando egli lo considera opportuno per garantire il corretto svolgimento delle attività. Se un allievo arriva in ritardo e la porta della sala di pratica è ancora aperta deve fermarsi sulla soglia e attendere un cenno dell’istruttore per poter entrare e partecipare alla lezione.
  • È vietato entrare nella sala di pratica con le scarpe ai piedi, queste devono essere lasciate nella rastrelliera all’ingresso o messe nella borsa/zaino.
  • Quando una allievo entra o esce dalla sala di pratica deve offrire il suo rispetto e la sua gratitudine alla scuola, all’insegnante, ai compagni di pratica e a sé stesso salutando con un inchino o con il saluto tradizionale della Scuola.
  • Se un allievo si unisce alla lezione dopo il suo inizio deve fare il saluto tradizionale e inserirsi esattamente nell’esercizio che si sta praticando in quel momento. Non sono consentiti riscaldamenti o allenamenti personali.
  • Se un allievo ha la necessità di terminare in anticipo la lezione deve chiedere il permesso all’istruttore e fare il saluto tradizionale prima di abbandonare la lezione.
  • Durante gli allenamenti a solo e in coppia, gli allievi sono invitati a mantenere il massimo della concentrazione e a ridurre al minimo le interazioni verbali. L’apprendimento avviene più con l’osservazione dei movimenti dell’istruttore e l’ascolto del proprio corpo che attraverso discussioni e spiegazioni. Eventuali dubbi e richieste di chiarimento riguardanti gli esercizi in corso devono essere rivolti all’istruttore, preferibilmente alla fine della lezione. Per altre richieste personali di approfondimento l’istruttore è sempre a vostra disposizione, al di fuori della sala di pratica.
  • Gli allievi sono tenuti al rispetto e alla cura del luogo di pratica. Si raccomanda pertanto di non lasciare effetti personali nei bagni e negli spogliatoi (scarpe, indumenti, borse, detergenti, asciugamani, ecc.); di pulire e asciugare bagni e docce dopo ogni utilizzo; di non lasciare in giro rifiuti e altri oggetti (bottiglie, bicchieri, fazzolettini di carta ecc.). Si raccomanda inoltre di evitare schiamazzi negli spogliatoi.
  • Gli allievi sono tenuti a un comportamento decoroso e alla cura del proprio aspetto e della propria igiene. Chi avesse problemi di sudorazione eccessiva deve provvedere a detergere ascelle e piedi prima dell’arrivo in palestra e a fornirsi di indumenti di ricambio da indossare durante le pause dell’allenamento. Gli indumenti indossati durante la pratica devono essere puliti e conformi alle regole della scuola.
  • Entro un mese dall’iscrizione, un allievo è tenuto a indossare durante le lezioni la maglietta con le insegne ufficiali della scuola, un pantalone di tuta o kimono di colore nero e scarpette basse con la suola in gomma da usarsi esclusivamente all’interno della sala di pratica.

venerdì 18 febbraio 2011

Lo Shaolin



Il programma di studio degli stili esterni della YMAA comprende il “Pugno Lungo” dello Shaolin del Nord (Changquan), specializzato nel combattimento a media e lunga distanza e nelle tecniche di gamba, e la Gru Bianca (Bai He), che privilegia le tecniche di mano e il combattimento a corta distanza. Si tratta dunque di un programma di allenamento fisico e marziale completo e impegnativo, particolarmente indicato per chi vuole sviluppare armonicamente resistenza fisica, velocità e potenza secondo i canoni del Gong Fu (Kung Fu) cinese tradizionale.

Il Taijiquan



Il programma di stili interni YMAA si basa sul Taijiquan stile Yang tradizionale di discendenza da Yang Ban-Hou. Universalmente apprezzato per i suoi benefici effetti sulla salute del corpo e della mente, il Taijiquan (o Tai Chi Chuan) è generalmente praticato in occidente in forma semplificata a fini quasi esclusivamente salutistici e di rilassamento. La YMAA offre invece un programma completo che oltre allo studio della forma tradizionale in 113 movimenti e del Taiji Qigong (lavoro con l’energia interna) prevede l’apprendimento di varie routine di “spinta con le mani” o Tui Shou e delle applicazioni marziali. Per la lentezza di esecuzione delle sue tecniche, la pratica di questa disciplina non stressa le articolazioni, i muscoli e i tendini e permette di migliorare la postura, il radicamento, la mobilità, il coordinamento e l’equilibrio del corpo, sviluppando al tempo stesso la capacità di concentrazione e l’energia interna.

Il Qigong



Il concetto di Qi (anche scritto Chi) è presente in maniera pervasiva nella cultura cinese e viene utilizzato per riferirsi a una gamma molto vasta di significati in ambiti che vanno dai fenomeni naturali alla fisiologia umana agli stati mentali e psicologici. In un senso molto generale Qi è infatti sinonimo di “energia” e può essere visualizzato come quella componente immateriale che fluisce animando I fenomeni e determinandone le caratteristiche esterne e il comportamento.

Nel più ristretto ambito della medicina cinese tradizionale, il Qi è una delle tre forme di energia che caratterizzano l’uomo (le altre due sono lo Jing, energia sessuale o sostanza primaria, e lo Shen, energia mentale o spirituale) e si visualizza come un fluido energetico che scorre lungo una rete di “vasi” o “canali”, regolando il funzionamento degli organi interni e influenzando lo stato energetico dell’intero corpo. È su questi principi che si basano molte tecniche cinesi tradizionali di cura come l’agopuntura, la digitopressione e la moxa, che intervengono con stimoli fisici applicati in punti particolari posti lungo i canali in cui scorre il Qi, sbloccando eventuali blocchi, disperdendo l’energia inn eccesso e ripristinando una ottimale circolazione del Qi.

Il Qigong (Chi Kung) è l’arte di agire sulla circolazione interna del Qi senza l’utilizzo di stimoli fisici esterni ma bensì tramite un’appropriata concentrazione mentale e l’impiego di specifiche tecniche respiratorie e visualizzazioni.

Per una mente occidentale abituata a considera le cose da un punto di vista “scientifico” può essere utile interpretare il flusso o l’accumulo del Qi come un particolare livello di attivazione dei tessuti viventi, legato ai fenomeni bioelettrici che sono alla base della vita. Un corpo in cui il Qi fluisce abbondantemente e regolarmente è semplicemente un corpo che vive al massimo delle sue potenzialità vitali.

In ogni caso il Qi non si “vede” ma si “sente”. Come ogni praticante di Qigong o di Taijiquan sa, portare il Qi verso una determinata parte del corpo significa dirigere la propria consapevolezza mentale verso quella parte, rilassare profondamente la muscolatura circostante, “respirarci dentro” e sentire piano piano il sangue affluirvi in maniera più abbondante, insieme a sensazioni di calore, torpore e formicolio.

Attraverso appropriati esercizi è dunque possibile riequilibrare lo stato energetico del corpo, migliorare la salute, prevenire l’insorgere di malattie e anche curare specifiche patologie. Il Qigong può anche avere applicazioni diverse da quelle salutistiche e terapeutiche. Nelle arti marziali si impara ad esempio a manipolare e dirigere il Qi per energizzare le parti del corpo con sui si deve eseguire una tecnica. Questo tipo di Qigong "marziale" è parte integrante dei corsi di Taijiquan e Shaolin.

Nell'ambito delle attività della Scuola, saranno periodicamente organizzati cicli di incontri dedicati all'apprendimento o approfondimento di specifici argomenti e tecniche di Qigong, con una particolare attenzione alla salute e al benessere: gli esercizi proposti aiuteranno a sciogliere le articolazioni e ad eliminare le rigidità, a correggere la postura, a migliorare la qualità della respirazione, a rilassare la muscolatura, a calmare e concentrare la mente, a sviluppare un senso di maggiore vitalità e benessere psicofisico. Programmi, date, orari e costi degli incontri saranno comunicati di volta in volta.

venerdì 15 maggio 2009

Chi è il Maestro Yang Jwing-Ming


Il Maestro Yang Jwing-Ming è nato a Taiwan nel 1946. Studia sin da giovane lo stile della Gru Bianca con il Maestro Cheng Ging Sao, con il quale cominciò anche una ricerca approfondita sulle tecniche di controllo di questo stile (Qin Na) e sulle proprietà delle piante medicinali.

Intraprese parallelamente lo studio del Taijiquan (stile Yang) con il Maestro Kao Tao ed in seguito con altri Maestri a Taipei. Nel 1964 iniziò lo studio del Chang Quan tradizionale (Shaolin del Nord) con il Maestro Li Mao Ching, diventandone l'assistente istruttore. Nel 1964 il Maestro Yang Jwing-Ming si trasferì negli Stati Uniti per finire i suoi studi ed ottenere un dottorato in Scienze Meccaniche. Egli continuò parallelamente ad insegnare Shaolin e Taiji.

Poco a poco il suo lavoro di insegnante e di scrittore (circa 20 libri pubblicati) e la creazione di un centro studi dedito alla diffusione delle pratiche marziali e della salute lo hanno obbligato ad abbandonare il suo mestiere di ingegnere. E' presidente della Yang's Martial Arts Association (YMAA) di Boston (Ma), associazione che conta sedi in 13 Paesi, e tiene seminari sistematicamente in diverse città del mondo, compresa l'Italia.